©EFFETRE fotostudio

Terry Richardson

10 luglio 2019
copertina
DarcyPadilla_3
lady gaga

Dopo Larry Clark, Nan Goldin e Antoine d’Agatà questa settimana sarei andato sul sicuro: avrei scritto di Darcy Padilla, una delle mie autrici preferite.

Perlomeno queste erano le mie intenzioni prima di un certo fatto serale che mi ha cavato dal cranio ogni traccia di sentimento.

E allora vi parlo di quello s****o di Terry Richardson (New York, 14 agosto 1965).

Avete qualche amico fotografo o aspirante tale? Uno che legge quelle sante riviste fotografiche coi loro bei concorsi (natura, street, colore, bn ecc ecc) e le recensioni delle fotocamere all’ultimo grido? Ecco, provate a chiedergli cosa ne pensa di Terry Richardson e 9 su 10 vi dirà che fa cagare, che è sopravvalutato, che non sarà mica un fotografo, mica come McCurry o Salgado.

E non ha mica torto… ma neanche ragione.
Adesso vi dico perchè.

Gucci, Levi’s, Pirelli, Hugo Boss, Tom Ford, Diesel, Tommy Hilfiger, Sisley, GQ, Vogue, Interview, Harper’s Bazaar, The Face, Penthouse, Sports Illustrated, Arena Homme, Playboy, Vice e Rolling Stone, Madonna, Kate Moss, Matthew Gray Gubler, Vincent Gallo, Sharon Stone, Juliette Lewis, Leonardo DiCaprio, Macaulay Culkin, Tom Ford, Eva Riccobono, Mickey Rourke, Pink (cantante), Amy Winehouse, Marc Jacobs, Lil’ Kim, Chloë Sevigny, Nicolas Cage, Catherine Deneuve, Tony Ward, Lenny Kravitz, Dennis Hopper, Karl Lagerfeld, Jessica Alba, Jared Leto, Lana Del Rey, Lady Gaga, Britney Spears, Kate Upton, Miley Cyrus, Rihanna.

Queste sono solo alcune delle campagne, delle riviste e delle star per cui ha lavorato Terry Richardson.
Non male per uno che non è un fotografo, no?

Ecco uno sarebbe anche tentato di fermarsi qui; tutto questo dovrebbe ampiamente bastare per convincere chiunque.

Ma mica si può.

No, perchè Terry Richardson non è solo il fotografo figlio d’arte (suo padre era il famoso e tragico Robert Richardson, a proposito del quale vi invitiamo a leggere L’ultimo viaggio di Bob e del suo cane Mick) egocentrico, sfrontato, provocatorio, eccessivo, controverso, e tremendamente cool che ci ha regalato immagini dissacranti di divi e politici (celebre la sua serie di scatti ad Obama sudaticcio e flashato, o quella di Lady Gaga sul water) ma è anche colui che nel 2017 è stato bandito da Condè Naste e via via da tutti i maggiori magazine di moda a causa delle accuse di molestie sessuali che, dopo il caso Weinstein, gli sono state lanciate da numerose modelle.

Anche per questo motivo oggi è difficile tracciare un bilancio della sua attività fotografica. Per vent’anni è stato l’artista geniale e dissacrante, universalmente conteso, una specie di gallina dalle uova d’oro dello star system mondiale; poi improvvisamente un perverso predatore, platealmente allontanato da qualsiasi rivista che si rispetti.

Resta comunque il fatto che nell’arco di oltre due decenni ha ridefinito ogni regola fotografica lasciandoci immagini di eros scriteriato, stupido, sporchiccio (che è poi l’unico erotismo possibile) che hanno avuto un’enorme influenza sullo stile e la cultura visiva contemporanea; e ha indubbiamente scioccato e incuriosito il mondo con la sua singolare estetica e il suo stile caratteristico fatto di brutte luci sparate in faccia e tanto glamour.

Possiamo quindi veramente dire che Terry Richardson non è un fotografo degno di nota?

A voi l’ardua sentenza 😉

lady gaga

vibe-vixen-terry-richardson-and-amber-rose-kanye-west-compressed

barack-obama-by-terry-richardson-foto-6

cameron-diaz-by-terry-richardson

jared-leto-nudo-02

Share